domenica 4 settembre 2011

Leonardo (2011)

Sabato 27 Agosto alle 2.41 del mattino arriva una terrificante telefonata in una casa semi deserta. L'uomo si sveglia di soprassalto e risponde. Pronto? E' l'ospedale Ca'Foncello di Treviso che avvisa l'inizio del travaglio per sua moglie. Panico.
Alle 2.47 il nostro uomo è già in strada sparato a trecento all'ora (dai ricordi questa era circa la velocità) verso il reparto d'ostetricia dove sta per nascere il suo bambino.
L'arrivo è tagico. La moglie è già dentro in sala parto ma il bimbo non vuole uscire. 
Il verdetto è cesareo! Ed ecco che alle 4.48 Leonardo si appresta a dare il suo contributo a questo strano mondo...

Questa recensione parla di un film. Un film piccolo piccolo che ha la sceneggiatura più bella di tutte e due registi d'eccezione: Io e mia moglie Sonia. Sonia è anche la protagonista della pellicola e trascina lo spettatore in un mix tra ansia, paura, felicità e dubbio fino al finale che prevede una cascata di lacrime come mai mi era successo in tutta la mia vita e adesso tengo in braccio tre chili scarsi di un morettino dagli occhi presumibilmente blu che ha già stravolto le nostre vite.
Mi assenterò per qualche altro giorno dal blog perché ho scoperto una cosa che nessuno mi aveva mai spiegato: non riesco a togliere lo sguardo per più di dieci minuti dal mio piccolo Leonardo e il cuore mi fa male da quanto forte batte ma il tempo passa veloce e io voglio godermi questi momenti.
Benvenuto Leonardo!