mercoledì 7 novembre 2012

Excision (2012)

Nella tipica famigliola perfetta americana ci sono due piccoli nei che di nome fanno Grace e Pauline, due sorelle adolescenti. La prima gravemente malata di fibrosi cistica, la seconda una ragazza problematica. La vicenda gira attorno a Pauline che con i suoi comportamenti antisociali e anticonformisti rende il rapporto con la terribile madre Phyllis, sempre più prossimo alla catastrofe. La faccenda si complica quando la nostra protagonista decide di testare la sua sessualità. Sarà l'inizio della fine.

Quando ho deciso di guardare Excision mi sono preparato, birra alla mano, con le migliori aspettative di trovarmi davanti a un bel film da godimento splatteroso e invece mi sono trovato a guardare un nuovo "American beauty" in versione emo-cool. Un disastro. Purtroppo la pellicola è piuttosto noiosa e di horror ci sono solo i poster e il marketing selvaggio. Eh, sì, perché se qualche appassionato si cerca su Google qualche immagine relativa al film, si troverà di fronte una serie infinita di gore che però non c'entra nulla con Excision. E pure il titolo è fuorviante! infatti l'escissione di cui si parla è quella pratica terribile che viene spesso associata all'infibulazione, ma neanche una analisi più profonda mi ha fatto capire cosa c'entrasse questa pratica con il film. Probabilmente qualcuno avrà l'intelligenza necessaria a spiegarmelo.
Partendo da questi buonissimi presupposti ci troviamo di fronte un film con una sceneggiatura traballante e imprecisa, una trama inverosimile e una regia, anche buona, ma che non riesce a trascinare mai la visione nel punto esatto. Eppure il regista e sceneggiatore Richard Bates Jr. viene considerato uno degli artisti emergenti più promettenti di Hollywood. Va bene, vorrà dire che presto dirigerà Transformers 4...
Ma torniamo a noi. Excision cerca di mordere lo spettatore in tutti i modi possibili usando trucchetti poco incisivi. Ci sono almeno sei o sette scene che con un regista meno egocentrico sarebbero potute diventare dei piccoli cult.
Il film è fondamentalmente un drammone condito di siparietti horror. In tutto ci saranno più o meno una quindicina di minuti di scene pseudo-horror che vanno dall'ospedale sexy-splatter (Pauline vorrebbe studiare medicina) alla necrofilia spiccia.
Si fanno notare per la comicità involontaria dei dialoghi, le preghiere di Pauline a un Dio a cui non crede e i suoi monologhi blasfemi e spiazzanti con il prete che dovrebbe aiutarla a migliorare la sua vita corrotta.
Il rapporto di Pauline con la madre è completamente assente e non c'è impegno a migliorarlo da nessuna delle due parti. Da notare che l'attrice che interpreta la madre di Pauline, Tarci Lords, è una ex pornostar i cui vecchi film vanno a ruba tra gli appassionati del genere. Ma io, in particolare, mi sono chiesto come sia possibile dare un ruolo così fondamentale e centrale nel senso della pellicola ad una ex pornostar, peraltro brava nella sua parte, che non può non far scappare il sorrisino una volta scoperto il suo passato e far tremare le basi religioso-psicologiche di Excision.
La protagonista assoluta della pellicola è la bravissima AnnaLyne McCord (La Naomi Clark del nuovo 90210) che è di una bellezza spiazzante e nel film viene imbruttita all'estremo. Tanto buona la sua recitazione e il suo porsi davanti all'obbiettivo, che non credevo ai miei occhi quando ho trovato le sue foto in Internet. Vedere per credere. La sorellina Grace (Ariel Winter) è stereotipata al massimo come i genitori e la recitazione globale viene offuscata dal lavoro impeccabile della McCord. Il bravo Roger Bart si limita a fornire una brutta imitazione di Kevin Spacey. Anche il mitico Malcolm McDowell, prof. nella scuola di Pauline, è poco più che una macchietta.
Uno degli argomenti centrali di Excision è la ricerca della sessualità di Pauline. Quando dico "ricerca", intendo proprio una ricerca meccanica e non una dolce scoperta. La ragazza, infatti, decide di sperimentare il sesso in maniera alquanto particolare. Devo ammettere che questa è la parte di film più ben fatta e divertente. La scena di sesso con Adam è da incorniciare come una delle cose più strane che si siano mai viste al cinema. E poi ci sarà anche il colpettino disgustoso finale, che la portano a diventare una delle trovate più geniali e sfiziose di quest'anno. Peccato che si salvi solo questo!
La cosa che mi ha fatto tremare le ginocchia, comunque, non è il settore tecnico ma la storia in sé. Fin dall'inizio si vede questa Pauline agire come una ragazza ribelle, poco ortodossa, che, sì, fa dei sogni macabri e necrofili ma non agisce mai male. Non ferisce nessuno e non è autolesionista, ne crea grossi scompigli fuori dalla sua famiglia. Non fa nulla per cui lo spettatore non possa far poco più che sorridere, o quanto meno schifarsi, di fronte a certi suoi pensieri molto neri. Ma niente di più. E' una ragazza strana, emo, piccante, cattivella e pure un pò dark. Ma cosa c'è di male? Questo la fa etichettare come pazza? O come malata mentale, degna di essere rinchiusa in un centro di cura mentale? Non credo. Eppure il finale è degno del mio peggior disprezzo. Tutto ad un tratto il film che fino a un certo punto aveva seguito una traiettoria zigzagante, si tuffa a braccia aperte in un lago di sangue e pazzia che non ha nessun senso e nessun collegamento con tutta la vicenda. A questo punto i motivi possono essere due: o Mr.Bates doveva spingere sull'acceleratore per mostrare quanto fosse fico, oppure, e qui mi auguro di sbagliarmi ma non ci credo troppo, si cerca di far apparire una ragazza problematica e bisognosa di comunicare, come un mostro da sedare e rinchiudere.
Excision si perde nell'autocompiacimento e sembra usare argomenti delicati e profondi come la psiche, la comunicazione, il rapporto coi genitori e la sessualità per riuscire a sparare le pallottole più grosse possibili. Ma cercate di non farvi colpire. E' facile scambiare un film come Excision per una trovata originale, ma a conti fatti e cervello acceso, non è altro che porcheria montata ad hoc per un pubblico di perbenisti pieni di preconcetti. Quindi sarà facile che abbia un certo successo.

15 commenti:

  1. avevo intenzione di vederlo (causa poster ecc) ma mi hai leggermente smontato quel minimo di hype ma comunque ti ringrazio, almeno lo evito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda, dacci un occhiata che magari ho preso un abbaglio e poi ne nasce qualcosa di buono. Non si sa mai. Almeno ne vale la pena per quella scena di sesso che sono sicuro ti piacerebbe... ;)

      Elimina
  2. Bella recensione di cui ti ringrazio molto. Avevo pensato anch'io di visionarlo, considerato il fatto che come sai mi occupo di adolescenti problematici, da anni.Tuttavia non lo sentivo nelle mie corde quesyo "Excision", e anche il trailer non mi convinceva. Avevo cioè la sensazione netta che vedere questo film avrebbe voluto dire, come direbbe il mio amico blogger Death Row in slang giovanile molto creativo, di farmi "crackare come un niubbo". Per cui mi fa piacere sentire nella tua recensione una certa sintonia con le mie sensazioni vaganti. Lo eviterò dunque con cura. Grazie ancora.:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi inchino davanti alle tue conoscenze di cui io non posso far altro che ammirare e riconoscere. Io ho solo dato una mia visione del film che mi ha molto preoccupato. Lo sai meglio di me che negli USA la psichiatria è molto "libertina" e questi film occulti sono una sorta di prova di questa sensazione. Il rischio è che si possa far passare l'anticonformismo per malattia, e questo mi fa imbestialire.

      Elimina
  3. Anche questo me lo dovrai passare. ;)

    RispondiElimina
  4. Mi unisco al leggero smontamento, altrove l'hanno un po' pompato, ma alcuni punti descritti mi incuriosiscono ugualmente.
    Lo mantengo in lista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao caro,
      più che smontamento a un certo punto ho provato una certa rabbia nel come vengono affrontati male e con stupidità alcuni argomenti. Se lo vedi fammi sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  5. a me non è sembrato affatto male.
    non tutto funziona, il finale in effetti non è il massimo, però comunque ha un che di malato che intriga. e l'interpretazione mostruosa in tutti i sensi della protagonista da sola merita la visione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma neanche io l'ho trovato una schifezza totale, altrimenti non l'avrei recensito, solo che mi ha innervosito il sottotesto "populista".
      La McCord, siamo completamente d'accordo, è un fenomeno. E una gran bella figgiuola...

      Elimina
  6. Il personaggio di John Waters è assolutamente inutile. Immagino che per Bates fargli interpretare un prete sia una gran trovata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Waters mi è passato talmente inosservato che non l'ho neanche inserito nella rece. Un film odioso.

      Elimina
  7. Davvero un peccato vedere Malcolm McDowell relegato in una così piccola parte di un così piccolo film. C'è anche un cameo di Ray Wise (il padre di Laura Palmer, per intenderci) il che la dice lunga sull'intento primario della produzione (reclutare volti noti e pagarli due lire). Traci Lords e Roger Bart, quest'ultimo perfetto nella parte del genitore catatonico, non si sottraggono alla regola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. McDowell molto meglio nell'ultimo Silent Night.
      Troppo pomposo e videoclipparo per poter prendere in mano argomenti come quelli che tratta... no?

      Elimina
    2. Almeno in Silent Night gli hanno dato una parte sostanziosa(non dico da protagonista ma quasi). McDowell è secondo me un volto tra i più interessanti del cinema di sempre. Lo era ai tempi di Kubrick e lo è ancora oggi, 40 anni dopo.

      Elimina

A causa dello spam selvaggio se volete commentare dovete essere registrati con qualche servizio (Google, OpenID, etc) e non è più possibile presentarsi come utenti anonimi. Spiacente per il disagio ma Internet è anche questo!